Caratteri botanici

Questa varietà è una pianta perenne sempreverde della famiglia delle Labiatae. Il cespuglio può arrivare ad una altezza di circa 120 cm. Le foglie sono persistenti, opposte, lanceolate, lanuginose di color grigio. I fiori, molto profumati, sono riuniti in una vistosa e compatta spiga lunga fino a 8 cm di color lilla intenso. Pianta molto vigorosa con forte e veloce sviluppo.

COD: 58 Categoria: Tag:

Descrizione

Coltivazione

La pianta di lavanda Angustifoglia predilige terreni moderatamente fertili, ben drenati, leggermente alcalini e in posizione soleggiata. Annaffiare al bisogno. Dopo la fioritura la pianta deve essere potata per mantenere una forma ordinata. Sopporta temperature invernali fino a -20° C.

Raccolta e conservazione

La raccolta viene fatta raccogliendo la spiga con il suo gambo, si fanno essiccare i mazzi messi a testa in giù, in luoghi ventilati e bui in quanto il sole farebbe perdere il colore ai fiori. Quando sono secchi si separa la spiga dal gambo e si conservano i fiori in sacchetti di tela per profumare la biancheria o per preparare pot pourri. I fiori freschi sono utilizzati per estrarre oli essenziali dall’aroma forte e canforato di buona qualità. I fiori si raccolgono nel momento della massima fioritura.

Uso in cucina

Non trova impiego in cucina.

Curiosità

  • Gli antichi Egizi utilizzavano l’olio per il processo di mummificazione; mentre gli antichi Romani usavano i fiori per profumare l’acqua del bagno (il termine lavanda deriva proprio dal latino “lavare”).
  • Non si conosce il luogo d’origine della lavanda: pare l’Arabia o il Nord Africa.
  • I cacciatori delle Alpi un tempo, utilizzavano questa pianta contro i morsi di vipera, strofinando la zona del morso con i fiori per neutralizzare il veleno.
  • Lo sapevate che per produrre un flaconcino da 10 ml di lavanda, si usano 1,5 kg di fiori freschi?
  • Questa pianta ha una gradevole e unica fragranza che l’ha resa fondamentale per l’industria dei profumi.
  • Il caratteristico profumo di lavanda è dato dagli oli essenziali che vengono prodotti da ghiandole, localizzate in tutte le parti verdi della pianta (fiori, foglie e gambi) ma soprattutto concentrati nei fiori.
  • Questi oli le conferiscono proprietà antisettiche, disinfettanti, vasodilatatrici, antinevralgiche, cicatrizzanti, diuretiche, per i dolori muscolari e artritici ed è considerata anche un leggero sedativo.

P.S.: In Italia sono presenti diverse specie di lavanda, che dimostrano, però, tutte le medesime proprietà medicinali. Gli oli essenziali sono presenti in maniera variabile nelle diverse specie di lavanda e conferiscono quindi aromi differenti.
P.S.: Le proprietà terapeutiche sono inserite a scopo puramente indicativo, per ogni uso specifico consultare obbligatoriamente un dottore.

Send comment