Caratteri botanici

La Salvia a foglia larga appartiene alla famiglia delle Labiatae. È una pianta arbustiva, perenne, dal fusto semi-legnoso e può arrivare ad una altezza di un metro. Le foglie sono larghe e oblunghe, grigio-verdi e al tatto risultano feltrose (collose). Produce fiori riuniti in spighe blu-viola che fioriscono da Maggio a Luglio.

COD: 114 Categoria: Tag:

Descrizione

Coltivazione

Predilige un terreno asciutto, ben drenato ed esposto al sole. Non tollera l’umidità. Una volta radicata, la Salvia resiste molto bene alla siccità. Annaffiare al bisogno.

Raccolta e conservazione

La raccolta delle foglie avviene tutto l’anno per scopi culinari. Possono essere consumate sia fresche che essiccate. I rami della pianta possono essere essiccati capovolti e successivamente conservati in un contenitore a tenuta d’aria.

Uso in cucina

Le foglie di Salvia larga vengono utilizzate fresche o essiccate per esaltare il sapore di molte pietanze a base di carne e pesce, cucinate arrosto o in umido, ed aromatizzare patate e aceto. Lasciate appassire dentro al burro fuso costituiscono il condimento per primi piatti a base di gnocchi, tortellini, agnolotti ecc. Ottime per insaporire selvaggina e uccelletti. Ha inoltre il potere di rendere più digeribili le carni molto grasse. Si possono friggere le foglie in pastella. La Salvia non andrebbe mischiata ad altri aromi e spezie poiché tende ad annullarne i sapori. I fiori possono essere aggiunti all’insalata.

Curiosità

  • Il nome salvia deriva dal latino “salvus” che significa sano, salvo o “salus” cioè salute, per le sue virtù terapeutiche della pianta note fin dall’antichità.
  • Nel Medioevo le levatrici la usavano per favorire le contrazioni uterine durante i parti laboriosi. Proprio per questa caratteristica, non è consigliata alle donne incinte.
  • Le foglie masticate rinforzano le gengive, mentre, se strofinate nei denti, li sbiancano.
  • In casa, le foglie secche, nella biancheria, sono usate come insettifugo; se bruciate eliminano odori in cucina, di animali e disinfettano l’ambiente.
  • L’estratto di salvia è un eccellente fissatore per profumi.
  • Secondo uno studio, dell’università di Newcastle, in Inghilterra, la salvia potrebbe essere un utile alleato per la memoria. Il merito sarebbe da attribuire ad alcuni suoi composti, capaci di inibire un enzima che a sua volta degrada un composto chiamato aceticolina, molecola fondamentale per il funzionamento del cervello, che risulta diminuita nei malati di Alzheimer.

P.S.: Le proprietà terapeutiche sono inserite a scopo puramente indicativo, per ogni uso specifico consultare obbligatoriamente un dottore.

Send comment