Caratteri botanici

Il Prezzemolo riccio è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Apiaceae. È una pianta, glabra, biennale a radice grossa; fusto eretto alto da 40 cm fino ad un metro. Le foglie sono dentate e ricce, possono essere bipennatosette o tripennatosette. I fiori bianchi formano delle ombrelle visibili da Maggio a Giugno; frutto costituito da due acheni.

COD: 98 Categoria: Tag:

Descrizione

Coltivazione

Il Prezzemolo cresce meglio in un terreno umido e ben drenato, in pieno sole, con temperature che oscillano tra i 22-30° C. Annaffiare al bisogno.

Raccolta e conservazione

Del Prezzemolo riccio si utilizzano le foglie raccolte fresche durante tutto il tempo vegetativo.

Uso in cucina

Il Prezzemolo riccio oltre che per cucinare è molto usato come guarnizione proprio per la sua forma carina e armoniosa. Entra nella preparazione di quasi tutti i piatti: pesce, carne e salse. Facile da congelare non si presta molto all’essiccazione.

Curiosità

  • Si narra di una donna incinta che viveva vicino a un orto pieno di prezzemolo, di proprietà di alcune fate, e presa dalle voglie andò a mangiarlo di nascosto. Le fate però nei giorni successivi la scoprirono e decisero di perdonarla, ma in cambio lei avrebbe dovuto chiamare la figlia Prezzemolina, allevarla e poi affidarla a loro. Lei accettò. Cresciuta Prezzemolina, un giorno le fate la minacciarono di mangiarla se non avesse finito in giornata i lavori domestici. Lei spaventata, decise di farsi aiutare daMamé, il cugino delle fate, in cambio di un suo bacio. Arrivata sera, le fate incredule, che Prezzemolina avesse fatto tutto da sola, decisero di mangiarla comunque, ma per fortuna Memé la salvò gettando le fate nella pentola di acqua bollente. Prezzemolina ringraziò Memé, si sposarono e vissero felici e contenti.
  • Il prezzemolo è utile anche per la bellezza dei capelli: un impacco dopo lo shampoo garantisce capelli lucidi.
  • Per un alito profumato: soprattutto per togliere il sapore d’aglio, masticare qualche foglia di Prezzemolo.
  • Per attenuare le lentiggini: passare sulle zone interessate un batuffolo di cotone imbevuto del succo fresco, lasciare asciugare quindi lavare con acqua tiepida.

P.S.: Le proprietà terapeutiche sono inserite a scopo puramente indicativo, per ogni uso specifico consultare obbligatoriamente un dottore.

Send comment