Caratteri botanici

La Maggiorana è una pianta perenne, semi-rustica, spesso coltivata come annuale. Fa parte della famiglia dell'Origano e appartiene alla famiglia delle Labiatae. Può raggiungere anche oltre un metro d'altezza. Il fusto è di color verde con striature rosse; verso la base assume un aspetto legnoso. Le foglie sono ovali, oblunghe, di color verde pallido. I fiori sono bianchi o violetti, raccolti in pannocchie e sbocciano in estate.

COD: 62 Categoria: Tag:

Descrizione

Coltivazione

La Maggiorana predilige un terreno ricco, piuttosto secco e ben drenato. Si può coltivare anche in vaso. Vuole una posizione soleggiata e riparata. Annaffiare al bisogno.

Raccolta e conservazione

Le foglie vengono raccolte in ogni periodo dell’anno per essere essiccate, congelate o poste a macerare in olio e aceto. Le infiorescenze vengono raccolte prima della fioritura, tra Luglio e Settembre, per poi essere essiccate.

Uso in cucina

Utilizzata fresca, a fine cottura, va ad insaporire carne, pesce, verdure, minestre, sughi e insalate. Essiccata, invece, viene usata al posto dell’Origano o assieme ad esso. Durante la fioritura, la Maggiorana produce infiorescenze sulle quali spuntano numerosi fiorellini bianchi. Queste infiorescenze sono molto aromatiche e possono essere usate nelle zuppe, stufati e frittate in alternativa alle foglie.

Curiosità

  • I medici dell’antica Grecia consideravano la pianta della maggiorana un valido antidoto contro i morsi dei serpenti, i reumatismi ed i dolori muscolari.
  • Gli antichi Romani la consideravano simbolo di felicità difatti si metteva in testa agli sposi una coroncina intrecciata di maggiorana per augurare loro fortuna e felicità. Veniva anche usata come rimedio per la cura di molti disturbi tra cui contusioni e problemi agli occhi.
  • Nel Medioevo i rametti di maggiorana assieme a quelli di timo, venivano impiegati per evitare l’irrancidimento del latte.
  • In epoche passate, la maggiorana è stata un’ottima sostituta del luppolo nella preparazione della birra.
  • Durante le due guerre mondiali, in una condizione di estrema povertà, la maggiorana fu usata anche come sostituta del tabacco da fumo.
  • Si dice che giovi contro la caduta dei capelli.
  • L’olio di maggiorana viene messo nei profumi.
  • Un cucchiaino di maggiorana fresca o estratto secco in infusione in acqua bollente per 10 minuti potrebbe bastare per ottenere infusi e tisane dall’effetto calmante e sedativo. La bevanda può essere utilizzata per far fronte a disturbi gastrointestinali, mal di gola, dolori muscolari, tosse e raffreddore.

P.S.: Le proprietà terapeutiche sono inserite a scopo puramente indicativo, per ogni uso specifico consultare obbligatoriamente un dottore.

Send comment